Fotografie Italia 2011

Fotografie in Italia, immagini digitali e foto di alta qualità scattate durante escursioni e lunghe passeggiate in questo bellissimo paese nel 2011.

Carbonia e Cagliari passando da Sant’ Antioco

Durante un breve viaggio di lavoro ho avuto la possibilità di visitare la Sardegna meridionale, Cagliari, Carbonia, e persino di spingermi sino a Sant’ Antioco nonostante il tempo inclemente.

In passato ero già stato in Sardegna, e questo è stato un giro davvero breve, di alcuni giorni, ma intenso. La Sardegna è davvero splendida, in ogni sua parte e con ogni clima.
Spero davvero di tornare presto.

Continua a leggere

Triora

La terza ed ultima tappa dell’escursione in Liguria è stata il borgo medioevale di Triora.
Triora si trova veramente nel mezzo del nulla, nel pieno dell’entroterra Ligure, separato sia dal mare che dal Piemonte da alte colline e montagne coperte da fitti boschi.

Triora è situato nella Valle Argentina a 780 m s.l.m. sulle estreme pendici meridionali di un costone montuoso, è stato recensito come uno dei borghi più belli d’Italia.
La giornata volgeva al termine, il tempo peggiorava, ma il posto è davvero incantevole.

Continua a leggere

Dolceacqua

La seconda tappa della escursione in Liguria, dopo un panino veloce, è stata Dolceacqua, un bellissimo borgo medievale nella Val Nervia.

La parte più antica di Dolceacqua è dominata dal Castello dei Doria, quella più moderna si estende sulla riva opposta.
Un panorama davvero caratteristico ed inconfondibile.

Si tratta davvero di un posto pittoresco, Monet fece la sua prima visita in Liguria a fine anno del 1883 in compagnia di Renoir, per soli quindici giorni.
Fu talmente colpito dal fascino dei luoghi che appena rientrato a Giverny, manifestò subito il desiderio di ritornarci, infatti il 23 Gennaio 1884, Monet è di nuovo a Bordighera.

Continua a leggere

Taggia

La Liguria è una regione italiana molto interessante, specialmente l’entroterra, ricco di borghi medioevali dimenticati o quasi.
Ho quindi deciso di fare una bella escursione scoprendone alcuni, il primo di questi è Taggia.

L’entroterra è particolarmente ricco di vegetazione e di mete interessanti, sia sotto l’aspetto paesaggistico che naturalistico. Con un’ora d’auto si raggiungono località delle Alpi Marittime.

Tutta la zona dell’alta valle Argentina è interessata dalla creazione del Parco Naturale delle Alpi Marittime e si presta particolarmente ad attività escursionistiche di vario livello ed alla pratica della mountain-bike.

Continua a leggere

Torino nera, Piazza Statuto e la fontana del Frejus

La Fontana del Frejus situata in Piazza Statuto a Torino fu ideata dal Conte Marcello Panissera per ricordare l’inaugurazione del traforo del Frejus.
Fu inaugurata nel 1879.

Consiste in una piramide di enormi massi provenienti proprio dallo scavo del traforo, ed il tutto è sovrastato da un Genio alato che domina le statue marmoree dei Titani abbattuti: simboleggia il trionfo della ragione sulla forza selvaggia e animale.

Nella tradizione popolare a questo significato iniziale del monumento di Piazza Statuto se ne è aggiunto un secondo: le sofferenze patite dai minatori dell’epoca per realizzare l’opera.

Continua a leggere

Torino e i Gargoyles

Nonostante sia nato e cresciuto a Torino solo ultimamente comincio a conoscerla. Non basta camminare guardandosi intorno ma bisogna spostare lo sguardo anche verso l’alto.

Il centro storico di Torino, in particolare la zona occupata dalle Banche tra Via Alfieri, Via XX Settembre, Piazza San Carlo, Palazzo Lascaris è ricco di strane presenze: Gargoyles, mostri, diavoli, se ne trovano numerosi, è inquietante pensare che si è passati per la stessa medesima via per anni senza mai farci caso.

Poi finisce che li noti, i Gargoyles sono sempre stati lì.

Continua a leggere

Torino e le fontane dei fiumi Po e Dora

Era una giornata splendida, così ho deciso di andare a fotografare Piazza C.L.N. a Torino, una volta chiamata dai miei avi “Piazza delle due Chiese”. Non si tratta di una piazza grande, una minore di Torino, attraversata da via Roma.
Il nome attuale deriva dal Comitato di Liberazione Nazionale, costituitosi in Italia con la fine del fascismo.

Non abito distante e mi ero ripromesso di fare questi scatti, foto alla piccola piazza e alle fontane dei fiumi Po e Dora.

Continua a leggere

Torino e il portone con simboli massonici

Torino è una città strana, misteriosa, dove bene e male si fondono, dove la misura e l’equilibrio tra le forze della natura e dell’uomo muta costantemente ed è oggetto di attenzione da millenni.
Una storia che non poteva che essere intrisa di simboli massonici.
La città di Torino è quindi ricca di simboli strani, esoterici, di demoni e di angeli, ne abbiamo già visti alcuni negli album di foto precedenti.

Oltre al portone del Diavolo, di cui abbiamo già parlato, esiste un altro portone ligneo molto interessante, in via Alfieri 19, vicino a Piazza Solferino. Un grande portone in legno massiccio sul portone è possibile vedere chiaramente tutta una serie di simboli massonici come la squadra, il compasso, il goniometro.
Si dice che il palazzo fu proprio costruito dai Massoni, ma a di là di questo è davvero una bella opera di artigianato, vale la pena cercarlo.

Continua a leggere

Vita e morte a Torino

Si tratta di una serie di scatti fatti a Torino in circostanze molto diverse, una passeggiata per varie vie del centro storico di Torino ed una visita al cimitero monumentale della città.

Mentre osservavo queste foto di Torino mi sono immediatamente reso conto che andavano insieme, erano opposte ed antitetiche, ma inevitabilmente si attraevano una con l’altra.

La vita, il gioco, il divertimento, il clown, la strada, la chiesa, la religione, la tomba.

Continua a leggere

Torino e i volti di Piazza San Carlo

Piazza San Carlo è una delle più importanti piazze di Torino il vero centro del capoluogo piemontese.
Lunga 168 metri e larga 76 è inserita all’interno dell’asse viario di Via Roma, che la collega a Piazza Castello e a Piazza Carlo Felice.

È il consueto luogo per gli avvenimenti storici e sociali, comizi, manifestazioni, presentazioni, scioperi, concerti; insomma il salotto bene della città di Torino.

Personalmente è una delle mie preferite, specialmente da quando molti anni fa la piazza è diventata completamente pedonale e le auto non sono ammesse.

Continua a leggere

Torino e il portone del Diavolo

A Torino, in via Vittorio Alfieri, sorge un edificio antico, oggi sede di una Banca.
L’edificio ha un bellissimo enorme portone di legno massiccio scuro e intarsiato.

Palazzo Trucchi di Levaldigi, così si chiama il palazzo a Torino, è una costruzione imponente fatta erigere nel 1673 su disegni di Amedeo di Castellamonte dal ministro delle finanze di casa Savoia.
Il portone è decorato con fiori, angeli, frutta, ma quello che non può non colpire è il batacchio, al centro del portone, lucido, un Diavolo sorridente.

A tutti i Torinesi è noto come portone del Diavolo.

Continua a leggere

Mole Antonelliana con neve

Lo scorso inverno, ho realizzato che non avevo mai fotografato la Mole Antonelliana vista dai giardini reali.

Nel sito troverete alcune altre foto della Mole Antonelliana, è praticamente impossibile venire a Torino senza fotografare il suo simbolo, quello che ne fa una città unica con un profilo inconfondibile.

La costruzione della Mole Antonelliana iniziò nel 1863, originariamente doveva essere una sinagoga ebraica.
Il progetto della Mole Antonelliana si rivelò lungo e costoso ed una serie di modifiche apportate da Antonelli, l’architetto di questa opera, la innalzarono a 113 metri.

Continua a leggere

Angeli in Torino

Girando per Torino e facendo attenzione a dove si va, potrebbe succedere di imbattersi non solo in mostri, demoni, Gargoyles, ma anche Angeli.
Torino, la città magica per eccellenza è un insieme di forze del bene e del male.

Gli Angeli che ho fotografato si trovano nel centro storico di Torino, a reggere la balconata del primo piano di uno strano palazzo all’angolo di Via Pietro Micca con Via San Francesco d’Assisi, quasi in Piazza Solferino, davvero un bell’edificio.

Non si nota molto, devi conoscerlo, il palazzo una volta guardava direttamente una tra le più belle piazze di Torino ma ora è quasi sepolto, oscurato, nascosto, da un enorme ed orribile grattacielo di quindici piani costruito negli anni 60′.

Continua a leggere

Abazzia di Santa Maria di Staffarda

Dopo Saluzzo, insieme ad un mio amico, continuammo il nostro viaggio per visitare la famosa Abazzia di Staffarda, purtroppo il tempo non è stato dei migliori, ha piovuto tutto il giorno.
L’atmosfera era interessante, e le fotografie della Abazzia di Staffarda devo ammettere non sono male.

Di sicuro l’Abazzia non versa in condizioni ottimali, soprattutto internamente, come possiamo notare nelle fotografie delle finestre.
L’atmosfera era comunque serena, pacifica e rilassata, sospesa nel tempo di un sito così ricco di storia.

Continua a leggere

Saluzzo e le sue vie del centro storico

Girando per il Piemonte, in Italia, non si può non sostare e visitare Saluzzo, un magnifico e spettacolare esempio di architettura medioevale perfettamente conservato nei secoli.
Le opportunità per fare delle belle foto a Saluzzo sono davvero molte.

Saluzzo è stata per ben quattro secoli un Marchesato indipendente e fiero; un territorio a vocazione frutticola, una terra fertile e generosa.

La giornata in cui mi sono imbattuto visitando Saluzzo purtroppo era fredda e nebbiosa, non il massimo per fare gli scatti che avevo in mente, oltretutto il bellissimo “Castello della Manta” con i suoi affreschi rinascimentali era chiuso per restauri.

Continua a leggere